.
Annunci online

Spigolature di attualità, politica e religione
5 ottobre 2009
Breve "memento" sulla rilevante considerazione per gli italiani del pedofilo Polanski

 
La lezione del pianista


lunedì 05 ottobre 2009
di Alessio Di Carlo


Un paio d'anni fa, parlando del nostro Paese, Roman Polansky dichiarava: "Onestamente io l'Italia non la capisco, per me è del tutto impossibile prevedere dove state andando. Berlusconi sfida ogni norma, ogni regola alla base del funzionamento del Paese. È sorprendente. Una cosa che mi ha sempre preoccupato, sin da quando abitavo a Roma trent'anni fa, è che il vostro eroe nazionale, dalla letteratura al cinema - soprattutto al cinema - è sempre una specie di imbroglione. Piccoli truffatori, furbastri disonesti. Gli italiani amano questi furfanti: si danno di gomito e dicono "ah ah, guarda quello come li ha fregati tutti”. Non so se è un'eredità dell'impero romano, ma è pericolosa. In ogni cultura c'è il personaggio un po' mascalzone e canaglia, ma mai al livello italiano. E ora avete eletto il re degli imbroglioni: uno come Totò". 




permalink | inviato da KRITIKON il 5/10/2009 alle 19:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        dicembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

                                   

 































11/09/2001